Storia della Villa

La storica villa fu costruita nel 1899 dall'albergatore milanese Suardi e fu utilizzata come residenza estiva privata fino agli anni '30.

In seguito la proprietà entrò in possesso della nobile famiglia francese Gallifet che utilizzò la villa come dimora estiva fino ai primi anni '50.

Quando Adenauer, nel 1957 e 1958, venne in questo incantevole paesino, su suggerimento del suo ministro degli esteri Heinrich von Brentano, dimorò in altre due ville vicino a Villa La Collina. Nonostante gli 81 anni di età, Adenauer godeva di ottima salute. Un carabiniere addetto alla Sua scorta lo avvicinò al gioco delle bocce durante uno dei suoi primi soggiorni in Italia, e Adenauer divenne presto un giocatore appassionato e molto ambizioso. Il Cancelliere amava passeggiare insieme alle sue segretarie e alle sue figlie dalla sua residenza estiva, attraverso il paese, fino al campo da bocce locale direttamente situato dietro Villa La Collina. Uno dei giocatori del tempo - l'allora Sindaco Roda - conosceva il proprietario di Villa La Collina e attraverso la sua mediazione la Cancelleria riuscì ad affittare la proprietà per quindici volte di seguito per Adenauer ed il suo entourage a partire dal 1959.

La villa, che non era stata utilizzata dai proprietari francesi da molti anni,  si trovava in uno stato piuttosto dimesso a poche settimane dalla prima visita dell’illustre nuovo ospite. In realtà non si trattava di una vera e propria residenza, ma il fascino del paesaggio e del grandioso parco era molto al di sopra rispetto a quello dell’immobile in affitto.  Poiché anche la villa, costruita nel 1899, non era del tutto ammobiliata, alcuni mobili furono presi in prestito dagli alberghi circostanti.

La casa fu potenziata con i mezzi di comunicazione dell'epoca e Adenauer portò con sé, oltre ad uno staff di dipendenti piuttosto numeroso, una cassaforte con documenti segreti, biancheria da tavola, posate e molti altri oggetti di uso quotidiano provenienti dalla Germania.  Lo sforzo logistico delle sue visite fu notevole ed ogni volta che  Adenauer ritornava  a Rhöndorf, dopo al massimo otto settimane di soggiorno, tutti i mobili venivano resi agli alberghi. Al suo ritorno, sei mesi dopo, i mobili venivano ti portati a Villa La Collina dai vari hotels.

Su desiderio di Adenauer la Villa era arredata in modo modesto e nel rispetto delle sue idee del tempo non trasformeremo mai questo luogo in un classico hotel di lusso (per lo meno per quanto riguarda l’arredamento delle camere).

A Villa La Collina, il Cancelliere fu ufficialmente in vacanza, ma in realtà la sua attività lavorativa proseguiva senza sosta. Qui Adenauer ricevette personalità di spicco dell’epoca. Negli anni visitatori di alto rango della politica e dell'economia furono ospiti a Cadenabbia. La “Cancelleria” sul Lago di Como funzionò senza intoppi a ben ottocento chilometri da Bonn.

Per Adenauer Villa La Collina ha sempre rappresentato un luogo di ritiro molto speciale. Qui ha meditato e discusso con vari esperti di molti argomenti e, nella  tranquillità di Cadenabbia, sono state maturate importanti decisioni.

Dopo la morte del Cancelliere, nel 1967, un imprenditore tedesco, fan di Adenauer, acquistò Villa La Collina e la utilizzò esclusivamente per scopi privati, prima di metterla nuovamente in vendita 10 anni dopo.

 

La Fondazione Konrad Adenauer acquista Villa La Collina

Era piuttosto ovvio che la Fondazione Konrad-Adenauer avrebbe acquistato Villa la Collina e questo avvenne nel 1977. Lo scopo era quello di conservare un monumento ed avere la possibilità di continuare a lavorare nello spirito di Adenauer in un luogo che permettesse la riflessione interiore e l'intensità della conversazione, come nessun altro.

Da quel momento in poi, la grandiosa proprietà doveva servire principalmente all'opera di educazione politica della Fondazione. Tuttavia si scoprì presto che la villa era troppo piccola per eventi di una certa portata. All'inizio degli anni Novanta è stato quindi costruito un secondo edificio sotto la villa: l'"Accademia Konrad Adenauer", che si fonde accuratamente con l'intero complesso. Grazie a questo ampliamento, ora è possibile ospitare fino a 61 persone.

Assieme all’ampiamento della capacità ricettiva della struttura, è stato ampliato anche il concetto di utilizzo: mentre la prospettiva italo-tedesca era stata fino ad allora il punto di riferimento principale, questo quadro fu in seguito esteso a tutta l'Europa e al mondo intero. Se prima Villa La Collina era stata un luogo di incontro per molte celebrità politiche, che potevano essere presenti solo su invito della Fondazione Konrad Adenauer, ora la stessa ha aperto le sue porte a seminari, congressi, workshop e a clienti individuali nonché visitatori giornalieri che vogliono semplicemente visitare la proprietà.

La combinazione fra l’ampliamento della struttura e l´ espansione concettuale ha reso possibile un’ottimale gestione del complesso. Oggi Villa La Collina è riconosciuta dalla Repubblica Federale tedesca come "monumento commemorativo di importanza nazionale". La Fondazione Konrad-Adenauer è la proprietaria dell´intera struttura mentre la gestione dell´attività è affidata ad una società separata.

 

Politica, arte e molto altro

La villa è ancora oggi un luogo di tranquillità e di lavoro, come ai tempi di Adenauer. La Fondazione coltiva questo patrimonio e mantiene vivo lo spirito di quegli anni. Ogni anno circa 2000 ospiti partecipano ai congressi organizzati della Fondazione Konrad Adenauer. Nella quiete del luogo vengono analizzati e sviscerati importanti temi per lo più di carattere politico.

Nel 2019 la Fondazione ha organizzato ben 78 conferenze ed eventi educativi a Cadenabbia. Qui vengono citati solo alcuni esempi di questi eventi:

Dagli anni Ottanta, Villa La Collina ospita regolarmente incontri parlamentari tedesco-britannici con i conservatori britannici e i politici tedeschi della CDU. Gli incontri non riguardano dispute accademiche, ma la pratica quotidiana della politica. La CDU, che all'epoca sotto la guida di Helmut Kohl era stata al governo solo di recente, ha potuto beneficiare della lunga esperienza di governo dei Tories britannici.

Dalla metà degli anni Novanta,  funzionari tedeschi di organizzazioni internazionali, ma anche importanti rappresentanti dell'economia e della politica si incontrano una volta all'anno in un'atmosfera rilassata sotto l'egida della  Fondazione Konrad-Adenauer per scambiarsi esperienze e stabilire contatti. Si discutono i problemi attuali e si approfondiscono le rispettive aree di competenza.

Insieme al Think Tank "European Ideas Network" (EIN), a Cadenabbia si sta lavorando su strategie comuni per tutti i partiti europei dell'ambiente cristiano-democratico. Per questioni quali il cambiamento demografico, la sicurezza e le frontiere esterne dell'UE, si stanno sviluppando linee guida per aiutare le parti nelle loro politiche.

Villa La Collina ospita regolarmente anche piccoli e grandi congressi internazionali. Negli ultimi anni, l'attenzione si è concentrata soprattutto sui Paesi baltici, l'Unione Europea, i Balcani e l'Africa. Ci si occupa di diversi temi come la politica di sviluppo, il "buon governo" e le riforme statali.

Dal 1995, Cadenabbia è la sede del laboratorio d'autore della Fondazione Konrad Adenauer. Ogni anno, in autunno, da dodici a quindici scrittori si incontrano a Villa La Collina per leggere testi inediti e discutere di queste opere con critici, germanisti e politici. Quasi 100 autori hanno partecipato ai vari workshop che si sono tenuti durante gli anni. Ispirandosi all'ambiente pittoresco del Lago di Como, sono state create una serie di poesie, prose e diari. Tutti questi lavori sono stati raccolti nell'antologia "Cadenabbia come luogo letterario – Scrittori sul Lago di Como" pubblicato dal Presidente onorario della Fondazione Konrad Adenauer, Bernhard Vogel (Münster: LIT Verlag, 2006, 185 p., 30 fig., nato, 19,90 Euro). Tra gli autori si possono annoverare Elisabeth Borchers, Ulrike Draesner, Elke Erb, Thomas Hürlimann, Daniel Kehlmann, Hartmut Lange, Patrick Roth, Burkhard Spinnen, Arnold Stadler e molti altri.

Nel frattempo, Cadenabbia è diventata anche un luogo d'incontro per giovani artisti sostenuti dall'Else-Heiliger-Fonds (EHF) della Fondazione Konrad Adenauer. Al di là dei confini delle discipline culturali, si confrontano insieme ad autori, compositori, galleristi, direttori di musei e festival, giornalisti, su temi riguardanti i tabù nell'arte e nella letteratura e del rapporto tra arte e potere. Sia che si tratti di un workshop di autori o di un workshop EHF, Cadenabbia rappresenta la cultura del dialogo e del confronto.

La Fondazione Konrad Adenauer utilizza l’intera struttura anche per eventi interni. Ogni anno il Comitato di pianificazione consiglia la Fondazione stessa su questioni di sviluppo e di politica estera. Seminari aperti ai cittadini sull'educazione politica si tengono anche a Cadenabbia. Essi si occupano della politica del dopoguerra in Germania e in Europa e prestano particolare attenzione al lavoro di Konrad Adenauer.

Come luogo d'incontro europeo, come laboratorio creativo per scrittori e artisti e, non da ultimo, come sede di conferenze, Villa La Collina è diventata da tempo parte integrante della Fondazione Konrad Adenauer.

Contrariamente a quanto succede nella classica attività alberghiera, qui si cerca di combinare la storia e la natura generosa, tipica della proprietà, con un ambiente familiare e privato e di fondere la “Dolce Vita” italiana con l’organizzazione e l’affidabilità tedesca per dar vita ad un’esperienza unica nel suo genere.

Villa La Collina è aperta agli ospiti da marzo a novembre di ogni anno.